martedì 13 maggio 2014

Frammenti di lettura #6 - Non ti muovere di Margaret Mazzantini

#6
Salve a tutti miei cari lettori. Aumentate a vista d'occhio. Quando sono partita per il Salone del Libro Venerdì eravate 50, ed ora siete già in 55. Grazie Grazie Grazie
Oggi vi propongo un frammento tratto dal libro che ho appena iniziato a leggere e che credo vi recensirò la settimana prossima: Non ti muovere di Margaret Mazzantini, di cui ora posseggo una preziosissima copia autografata *sorride soddisfatta* , ma questa è un'altra storia.
Il tema di questo stralcio è la paternità, il delicato filo che lega genitori e figli, che è stato un tema ricorrente per me in questi giorni. Me lo sono trovato spesso davanti, nelle esperienze, nelle letture, nei discorsi e mi è capitato di rifletterci spesso sopra. Condivido con voi queste parole profonde, di una delle più grandiose scrittrici italiane contemporanee.

"Ti ho sempre lasciata fare, mi fido di te, mi fido anche dei tuoi errori. Ti conosco per quella che sei a casa e nei rari momenti che stiamo insieme, ma non so cosa sei con gli altri. So che hai un bel cuore, e lo sperdi tutto nel solco di grandiose amicizie. Brava, è uno scintillio che vale la pena di vivere. Ma tua madre non la pensa così, pensa che studi poco, che sprechi energie, e che non raggiungerai per tempo le tappe dei tuoi studi. Qualche volta tu e i tuoi amici attraversate a piedi l'isolato e vi interrate in quel pub all'angolo, quel budello fumoso sotto il livello della strada. Ho infilato gli occhi una volta, dall'alto, dentro una di quelle finestre basse sul marciapiede, vi ho visti ridere, abbracciarvi, schiacciare le cicche nei posacenere. Ero un cinquantacinquenne elegante e solo a spasso nella notte e voi eravate lì in basso oltre quelle finestrelle con le grate dove i cani si fermano a odorare, eravate così giovani, così serrati. Siete bellissimi, Angela, volevo dirtelo. Bellissimi. Vi ho spiati, vergognandomi quasi, con la stessa curiosità con cui un vecchio guarderebbe un bambino che scarta un dono. Si, vi ho visti scartare la vita, là sotto, in quel pub denso di fumo."

da pagina 18 di "Non ti muovere" di Margaret Mazzantini <3


Buona vita e buone letture.





6 commenti:

  1. Devo essere sincera, la Mazzantini non mi ispira proprio, non so perchè, così a pelle...però sono curiosa di leggere la tua review sul libro, magari mi convinci a prendere in mano qualcosa dell'autrice ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhh... La Mazzantini è una delle mie autrici preferite ;) Ti devo assolutamente convincere, mi impegnerò!

      Elimina
  2. Ti dirò quando pubblicherai la recensione.

    RispondiElimina
  3. Ciao! L'estratto che hai scelto mi ha davvero colpito :) Non ho mai letto nulla della Mazzantini, perché non è esattamente il mio genere, anche se so che è una bravissima scrittrice. E questo estratto me l'ha davvero confermato :)

    P.S. complimenti per il blog, è davvero molto carino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto. Per iniziare con la Mazzantini ti consiglio Venuto al mondo che è il mio preferito :)

      Elimina

Ciao, lascia pure un segno del tuo passaggio... mi farai felice :)