mercoledì 26 novembre 2014

La felicità è un puzzle di piccoli dettagli - Pezzi d'anima #1




Buongiorno lettori e lettrici e buon inizio settimana.
Oggi volevo parlarvi della settimana appena trascorsa e di tutte le cose belle che ho letto, visto , scoperto. Ho deciso di creare questo appuntamento settimanale di "ricapitolazione" un po' per me stessa: infatti amo poter rivivere e ricordare tutte le cose che mi hanno emozionata, fatto sorridere o riflettere, e un po' anche per voi, sperando di regalarvi qualche spunto interessante.
Ovviamente ogni volta potranno cambiare le categorie, ce ne saranno di nuove e diverse, ma il principio resta il medesimo: raccogliere pezzetti del mio vissuto e condividerli con voi.
Fatemi sapere cosa ne pensate :)


Settimana dal 17 al 23 Novembre



Letteratura

Letture

La prima categoria non poteva non essere quella dei LIBRI, ovviamente!  Naturalmente non vi parlerò nel dettaglio dei libri letti perchè questo verrà fatto nella apposite recensioni.


























Dunque, questa settimana ho letto il primo volume della trilogia Maze Runner di James Dashner, ovvero Il labirinto. Devo ammettere che non me lo sarei mai aspettato, ma questo romanzo mi ha coinvolta molto e mi ha tenuta sveglia per due notti di seguito per la frenesia di terminarlo.
Così non ho potuto fare a meno di comprare (o farmi regalare hihihi, diciamo la verità, non avevo fondi ma lo volevo troppo!) immediatamente il secondo volume, La fuga che ho terminato proprio questa mattina, e che, se è possibile, mi è piaciuto ancora più del primo. 
La trama di questi libri è misteriosa e intrigante, ricca di colpi di scena e scene memorabili.
Ho iniziato da pochissimo a leggere un po' di letteratura distopica e non pensavo che facesse al caso mio, avevo parecchi dubbi. 
Comunque presto vi parlerò di tutta la trilogia qui sul blog!

Voi li avete letti? Cosa ne pensate?

____

My Blog

Vi segnalo, sempre per quanto riguarda l'ambito letterario, che Lunedì è partito qui sul mio blog un Giveaway che vi permette di vincere un libro dalla vostra wishlist. Se vi va, partecipate:

Create your own banner at mybannermaker.com!


____

Citazione

Come citazione letteraria della settimana ho scelto un pezzo delle Metamorfosi di Ovidio, testo che sto studiando e analizzando per l'esame di Latino -_-
Nel X libro Ovidio narra la vicenda di Orfeo ed Euridice e del loro amore infelice e sfortunato.
Se non sapete di cosa parlo cliccate qui.
In breve e semplificando moltissimo Euridice , l'amata di Orfeo, è morta e precipitata negli Inferi. Orfeo riesce a convincere gli dei dell'oltretomba a concederle una seconda possibilità, restituendole la vita. Gli dei, commossi dal profondo amore dei due, acconsentono a patto che Orfeo non si giri a guardare Euridice finchè non saranno giunti nuovamente sulla superficie della terra.
Ma...
I miei versi preferiti vanno dal 53 al 63, che qui vi cito nella traduzione di Nino Scivoletto:
































"Erano giunti non lontano dalla superficie della terra; qui, temendo che gli sfuggisse e avido di vederla, lo sposo innamorato rivolse indietro gli occhi e subito quella ripiombò giù; tendendo le braccia e tentando di farsi prendere e di afferrare, l'infelice nulla strinse se non l'aria vuota. E ormai, morendo nuovamente, non si lamentò del suo sposo (di cosa si sarebbe dovuta lamentare, se non di essere troppo amata?) e gli rivolse il supremo addio che ormai a stento quello poteva cogliere con le orecchie e precipitò di nuovo nello stesso luogo."

____

Poesia

In questo periodo sto seguendo un corso monografico su Ugo Foscolo, poeta italiano che non ho mai imparato ad apprezzare. Questi versi dedicati al sole e alla tristezza della vita umana mi hanno sconvolta (ve ne cito solo una parte):


Alfin tu splendi, o Sole, o del creato
Anima e vita, immagine sublime
Di Dio, che sparse la tua faccia immensa
Di sua luce infinita!
(...)
Tutto si cangia,
Tutto père quaggiù! Ma tu giammai,
Eterna lampa, non ti cangi? mai?

Pur verrà dì che nell'antiquo vòto
Cadrai del nulla, allor che Dio suo sguardo
Ritirerà da te: non più le nubi
Corteggeranno a sera, i tuoi cadenti
Raggi su l'Oceàno; e non più l'Alba
Cinta di un raggio tuo, verrà su l'Orto
Ad annunziar che sorgi. Intanto godi
Di tua carriera: oimè! ch'io sol non godo
De' miei giovani giorni: io sol rimiro
Gloria e piacere, ma lugubri e muti
Sono per me, che dolorosa ho l'alma.
Sul mattin della vita io non mirai
Pur anco il Sole; e omai son giunto a sera
Affaticato; e sol la notte aspetto
Che mi copra di tenebre e di morte.

 Ugo Foscolo



Cinema

Quali film ho visto?

E' stata una settimana bella piena, a livello cinematografico. Ho visto ben 6 film ( quattro a cinema e due a casa) e per ragioni diverse, tutti mi sono piaciuti. Anche qui vale la stessa cosa che ho detto per il libri : non ve ne parlo nel dettagli perchè lo farò in seguito (magari non proprio di tutti).














































Come vedete non mi sono fatta mancare nessun genere:
Confusi e felici e Ti ricordi di me? possono sembrare commedie a prima vista ma vi assicuro che entrambi i film mi hanno fatto piangere. Adoro quando, pellicole all'apparenza leggere celano messaggi e significati profondi.
Clown e Crush, rispettivamente un horror ed un thriller fatti molto bene. Trame dettagliate e costruite accuratamente, ritmo avvincente e (questo vale soprattutto per Crush) finale assolutamente spiazzante!
Interstellar, il nuovo film di Nolan, lo attendevo da un po'. Fantascienza e vicende umane mescolate nelle giuste quantità. Affascinante e drammatico. Matthew McConaughey come al solito sbalorditivo.
Infine Pasolini, un film da vedere soprattutto per la magnifica interpretazione di Daniel Defoe, ma piuttosto disturbante e controverso (come d'altronde era il personaggio di cui narra le vicende).

Film preferito della settimana: Interstellar di Christopher Nolan

                                                                               ____

Per quanto riguarda il cinema, questa settimana sul mio blog ho pubblicato le mie riflessioni su un meraviglioso film francese. Per leggere cliccate sulla locandina:





Musica

Ecco la mia playlist della settimana, ovvero le canzoni che ho ascoltato talmente tanto da sfidare la pazienza di tutta la mia famiglia e del vicinato :)


1- Joyce Jonathan - Ça Ira
La canzone che mi ha fatto sorridere 





2- Hozier - Take me to church
La canzone che mi ha fatto commuovere





3- Soha - Mil pasos
La canzone che mi ha fatto ballare





4- Tazenda & Eros Ramazzotti - Domo mia
La canzone che mi ha fatto cantare





5- The Avaner - Fade out lines
La canzone che mi rilassa






Momenti felici

Noi esseri umani tendiamo spesso a dimenticare quei piccoli momenti felici che viviamo ogni giorno, senza riflettere sul fatto che la felicità è un puzzle di piccoli dettagli!

1. Il buio in sala prima che inizi il film
2. Spulciare l'Ikea con mamma
3. Cucinare il pollo alle mandorle e ricevere molti complimenti
4. Un massaggio super rilassante
5. Trovare online un libro che cercavo da anni

____


L'appuntamento con Pezzi d'anima di questa settimana termina qui! Spero di avervi fatto compagnia o di avervi strappato un sorriso.
E voi, cosa avete letto, visto, sentito, fatto questa settimana?
Aspetto i vostri commenti!


Buona vita,

sabato 22 novembre 2014

Tre cuori (più il mio) - 1 film, 1000 emozioni #13


Buongiorno lettori e lettrici,
in questo freddo (finalmente!) sabato pomeriggio vi propongo le mie riflessioni su un film francese che ho visto la settimana scorsa. L'ho adorato e lo inserisco ufficialmente nella mia Top Ten di film preferiti.
Prima di iniziare vi ricordo che è in corso il Giveaway "Letture sotto il piumone" sul blog. Se vi va di vincere un libro a vostra scelta partecipate! Trovate tutte le info nella sezione Iniziative e progetti.
Ma ora veniamo al film.
La storia è tra le più semplici ma allo stesso tempo sconvolgenti. L'interpretazione di Benoît Poelvoorde (attore che avevo già apprezzato in Emotivi anonimi) è assolutamente perfetta e Charlotte Gainsbourg non delude mai. Molto intensa anche Chiara Mastroianni, che riesce a dare corpo ad una personalità molto complessa.
Insomma, l'avete capito: Tre cuori mi ha proprio rubato il cuore ;)


#13


Non è così raro che io mi emozioni, lo devo ammettere.
Molto spesso mi ritrovo con le lacrime agli occhi o con i brividi lungo la pelle per una pagina emozionante o per una scena di un film commovente. Mi succede ascoltando una serie di note che toccano corde particolari e segrete dentro di me. Mi accade guardando cadere la pioggia o percependo il calore di un abbraccio. Sentendo raccontare una storia triste o gioiosa, ricordando momenti passati.
Raramente però mi è capitato di rimanere emozionata così a lungo.
Uscita dalla sala del cinema, mentre ceno, durante tutta la serata, mentre sto per addormentarmi e anche la mattina appena sveglia.
Le immagini continuano a correre indisturbate nella testa ingombrando i miei pensieri.
Questo mi è successo subito dopo aver visto Tre cuori di Benoît Jacquot, un film che rimane dentro come una sensazione leggera ma persistente, come un piccolo dolore, con cui convivi ma che non sparisce mai del tutto.

Chi può dire di non aver perso almeno un treno nella sua vita?
Chi può essere sicuro di aver fatto tutte le scelte giuste?
Chi di noi sarebbe capace di scegliere tra due amori profondi ma differenti?

Non esiste un modo per raccontare questo film, bisogna vederlo.
Segue il percorso di tre cuori, di tre anime che esistono con le loro imperfezioni e si incontrano proprio grazie a queste. Sono i difetti di ciascuna esistenza che spesso creano gli attimi fondamentali della vita.

Come succede a Marc, che perdendo il treno (l'ennesimo) incontra Sylie mentre passeggia solitaria nella provincia francese, e se ne innamora a prima vista. La casualità li fa incontrare. La casualità li separerà. Infatti Marc non riuscirà ad arrivare in tempo all'appuntamento successivo (e anche decisivo e definitivo) con Sylvie, a causa di un problema al cuore. Non conoscendo nulla di lei, tornerà a cercarla invano nella cittadina di provincia, amareggiato e consapevole di dover aggiungere un altro tassello al suo puzzle di occasioni mancate.
Sempre per caso accade che Sophie, nonchè sorella di Sylvie,  a causa di un grave inconveniente burocratico si recherà nell'ufficio dove lavora Marc e i due si innamoreranno e sposeranno, inconsapevoli entrambi degli scherzi che il desino si sta divertendo a fargli.

Lo so, la trama non è tra le più originali del mondo e, come si può ben capire, segue un clichè abbondantemente portato in scena da registi ed autori di tutti i tempi.
A mio parere però, in questo caso, il solito triangolo amoroso viene inserito in circostanze affascinanti e particolari e quindi mai banali.
Diciamo anche che questo è un tema che ha intrigato spettatori di ogni età ed epoca, ed è quindi piuttosto facile lasciarsi trascinare dalla storia narrata in questa pellicola.
D'altronde come dice lo stesso regista : noi esseri umani amiamo il melodramma.

«Si usa spesso la parola “melodramma” con un senso peggiorativo, ma è facile rendersi conto che dalle origini del cinema, molti grandi film sono dei melodrammi. La gente vuole piangere. I registi vogliono che il pubblico pianga sugli ostacoli, gli incidenti, le separazioni che fanno andare fuori fase l’armonia. Inconsapevolmente, la gente vuole versare lacrime di gratitudine... Sono grati che chi è sullo schermo provi quello che loro non vorrebbero mai provare. Si sentono al sicuro. Ed è per questo che nel film tutto deve apparire familiare. Il pathos, le abitudini, i volti devono stare alla giusta distanza. Dopotutto, il melodramma è contemporaneo e senza tempo.»

Mi riconosco moltissimo nelle parole del regista. Io sono la classica tipa che sceglie solo e sempre film drammatici, che piange disperata nei momenti tragici e che ama le storie tristi (sia nei libri che nei film).
Non so esattamente perchè, ma il coinvolgimento emotivo e la capacità di farmi riflettere sono gli ingredienti che solitamente mi fanno amare un'opera d'arte.
Si può anche trattare di una commedia o di un film leggero ma deve sapermi coinvolgere e deve contenere un messaggio profondo.


Paesaggi vuoti, camminate malinconiche e negozi d'antiquariato. Ho amato profondamente gli ambienti e le atmosfere di questo film: pesanti e nostalgiche, come a voler richiamare l'umore e le sensazioni dei personaggi principali. Tutto riporta la mente a sentimenti come la delusione, l'insoddisfazione, l'amarezza, la crudeltà e la disperazione.
L'aria che incombe su tutto il film è cupa, inquietante, tesa e agitata. Lo spettatore, così come i protagonisti, vive in uno stato d'attesa perpetua, come se in ogni fotogramma stesse per succedere qualcosa di importante, di grave.

L'aspetto che mi ha convinta della bellezza di questa pellicola è l'attenzione ai dettagli, quelli piccoli o inutili, eppure bellissimi. L'accendino di Sylvie; il suo sogni di guardare il sole nel deserto; le due sedie abbandonate, segno inequivocabile dell'assenza; quel gesto di piegare con le dita le labbra a formare un sorriso, un modo forse per cercare qualcosa di felice anche quando non c'è.

Insomma sono queste le cose che rimangono impresse dopo la visione di Tre cuori, qualche volto familiare, baci appassionati, paesaggi solitari e sguardi tristi.
Tutte cose già viste, direte. Ebbene vi assicuro che a volte le vicende comuni possono emozionare più di avvenimenti straordinari, perchè riportano alle nostre esperienze, alla nostra vita e ci raccontano una versione nuova e diversa dell'esistenza. A volte bella, a volte brutta. Ma pur sempre reale.



Buona vita e buona visione.



martedì 18 novembre 2014

Letture sotto il piumone - Un regalo per voi!



Buongiorno lettori.
Lo so, lo so. Sono quasi due mesi che non scrivo qualcosa, e non sapete quanto mi sia mancato il mio piccolo spazietto letterario.
Spero di non aver perso troppi followers nel frattempo.
Ho deciso di apportare diverse modifiche a questo blog, di renderlo meno programmato e più spontaneo, ma devo ancora organizzarmi :)
Intanto oggi sono qui per ringraziarvi di non essere fuggiti via durante la mia assenza (siete ben 106), e per questo motivo ho deciso di farvi un regalo!

Non esiste per un lettore sensazione più bella di essere acciambellato sotto un piumone gigantesco, sul divano davanti al fuoco, la neve che cade silenziosa fuori dalla finestra mentre le storie che ama lo trasportano in mondi lontani.
Il periodo più bello per perdersi tra le pagine è sicuramente l'inverno, non c'è dubbio.
Il rumore della pioggia, le lucine di natale, il doppio strato di calzettoni, il pigiamone di pile e litri di bevande calde non ben identificate.


La mia passione sono i plaid sotto cui infilarmi per leggere, morbidosissimi, alcuni anche pelosi, con immagini di renne o casette in montagna. Adoro passare le mie notti invernali nel mio letto a piangere per il finale traumatico del mio libro preferito, o cercando di non urlare (rischiando di far rivoltare il vicinato) perchè il protagonista ottuso di un libro dell'orrore sta per entrare in cantina senza accendere la luce (mi chiedo ma perchèèèèèèèèèè...).
In ogni modo, l'avete intuito. Amo le letture sotto il piumone. Ed ecco perchè voglio regalarvi un bel libro da leggere spaparanzati sul divano di casa vostra mentre ignorate il diluvio universale fuori dalla finestra.

Create your own banner at mybannermaker.com!


Il Giveaway Letture sotto il piumone parte oggi 18 Novembre 2014 e si chiuderà il 14 Dicembre. Questo perchè vorrei cercare di spedire il libro in modo che il vincitore lo riceva entro Natale. Avete dunque tempo 27 giorni per lasciare i vostri commenti sotto questo post.

Cosa dovete fare per partecipare?

- essere iscritti al mio blog (sfogliandolavita.blogspot.it).

- lasciare un commento sotto questo post (uno soltanto) entro la data indicata.
Nel commento mi dovrete raccontare in breve come e cosa amate leggere durante il periodo invernale,
lasciarmi la vostra mail
allestire una mini-wishlist (ovvero una piccola lista dei desideri) formata da 5 libri che vorreste ricevere/leggere nel corso di quest'inverno 2014-15.

- condividere il banner dell'iniziativa ovunque voi possiate (non obbligatorio ma apprezzato). Se lo condividete sul vostro blog, sulla vostra pagina facebook o tramite google+ lasciatemi i link nei commenti.

Questo è il codice html per condividerlo:

<a href="http://sfogliandolavita.blogspot.it/2014/11/letture-sotto-il-piumone-un-regalo-per.html" style="display: inline !important; margin-left: 1em; margin-right: 1em; text-align: center;" target="_blank"><img alt="Create your own banner at mybannermaker.com!" border="0" src="http://i.imgur.com/mGybanr.gif" height="266" width="320" /></a>

Cosa si vince?

Il vincitore riceverà un libro a sorpresa che io sceglierò all'interno della sua mini - wishlist allestita nel commento.
Potete inserire qualsiasi libro, tranne:
-libri introvabili o fuori catalogo;
-libri che superino un prezzo di copertina di 18 euro

Come sarà scelto il vincitore?

Vi avverto: il giveaway sarà casareccio! 
Cosa significa? Significa che sceglierò io il vincitore, in base al commento che mi colpisce maggiormente (ovvero non utilizzerò tecnologie strane per estrarre il vincitore), quindi dovrete impegnarvi.


Benissimo, questo è tutto. 
Io spero che questa iniziativa vi piaccia e spero davvero che partecipiate in tanti.
A presto!

Buona vita, buone letture e buona fortuna!